giovedì 22 marzo 2012

Antonio Zambrini Trio a Faenza

Mercoledì 28 marzo 2012 alle ore 22 allo Zingarò Jazz Club di Faenza concerto del trio di Antonio Zambrini. Con il pianista saranno sul palco del club faentino Alex Orciari al contrabbasso e Roberto Paglieri alla batteria.


Pianista e compositore milanese, Zambrini ha studiato chitarra, flauto traverso, composizione e pianoforte, diplomandosi in Direzione di Coro presso il Conservatorio di Padova e in Musica Jazz presso il Conservatorio di Parma.
Si è posto all’attenzione della critica con il cd “Antonia e altre canzoni” del 1998, edito da Splasc(h) Records, selezionato fra le migliori opere prime italiane dalla giuria del premio “Django d’or” a cura dalla critica musicale francese e italiana. Sulla rivista “Musica Jazz” è stato classificato dai critici al secondo posto nella graduatoria 1998 dei migliori nuovi talenti nel Jazz italiano.
I successivi cd hanno comportato numerose altre segnalazioni della critica, confermandolo tra i migliori talenti anche per il 2000 e per il 2001.
Zambrini è stato ospite di diversi programmi musicali di RAI Radio3. Sue composizioni sono incluse in “compilations” radiofoniche e in cd allegati a riviste specializzate e sono eseguite in concerto da musicisti di varia estrazione. Recentemente ha tenuto alcuni concerti in duo con Lee Konitz e con Claudio Fasoli, e ha suonato in una lunga tournèe nel quartetto del trombettista newyorkese Ron Horton, con Ben Allison al contrabbasso e Mike Sarin alla batteria.
Collabora stabilmente con la Cineteca Italiana di Milano per la sonorizzazione, improvvisata dal vivo, nelle rassegne dedicate al cinema muto.
Insegna in diverse scuole musicali, ed ha diretto dal 1999 al 2004 un corso estivo di improvvisazione e musica d’insieme presso gli “Stages Internazionali di Orvieto”. Dal 2005 insegna Pianoforte Jazz al Conservatorio di Como, nel programma dei corsi superiori.
Antonio Zambrini prosegue, con questo trio, un percorso stilistico intenso e ben delineato. Il pianista ha preso le mosse dalla composizione di brani originali, apprezzati negli anni da colleghi ed appassionati, per arrivare alla rilettura e alla reinterpretazione di parti importanti del repertorio jazzistico, prima, e per uscire, in un secondo momento, dai confini di genere per dare la propria visione delle musiche di Nino Rota e Gabriel Faurè, nell'ambito colto, oppure alle canzoni di un gruppo storico del rock britannico come i Procol Harum.

1 commento:

  1. Bella la nuova uscita del cofanetto di Riz Ortolani con ben 4 Cd con i quali festeggia 3 eventi: 50 anni di brillante carriera,50 anni di MONDO CANE con il tema “MORE” e IL SORPASSO.Da non perdere!

    RispondiElimina